OCCITAN

by Lou Seriol

/
  • Streaming + Download

    Includes unlimited streaming via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.
    Purchasable with gift card

      €5 EUR  or more

     

  • Full Digital Discography

    Get all 4 Lou Seriol releases available on Bandcamp and save 30%.

    Includes unlimited streaming via the free Bandcamp app, plus high-quality downloads of REVIORI, OCCITAN, AMBE VOS - live 2009, and MAQUINA ENFERNALA. , and , .

    Purchasable with gift card

      €14 EUR or more (30% OFF)

     

1.
03:53
OCCITÀNIA Paraulas , paraulas , paraulas, l’i n’a se vòi chantar las dralhas de la lenga me chal pistar enté vai la mia lenga, enté vai lo miu parlar lo deman de la mia Tèrra es aquí. Occitan es la mia lenga es tot aquí Occitània es la mia tèrra lo miu País Per ben lo gardar lo chal parlar per ben lo parlar lo chal mostrar la semença dal deman es da bèl trobar ent la toa lenga la pòs trobar, te chal parlar. Occitan una lenga que viu aquí Occitan si vòs viure te chal parlar Occitània es aquò que se vè pas Occitània ent la votz d'una mainat Coma aiga sus la peira , lo tèmp nos pòl ajutar a créisser embé la lenga lo nòstre pensar Pensar que siem libres, ni regions, ni frontièras ensem, la nòstra fòrça, lo nòstre parlar Occitan, una lenga una nacion Occitània una tèrra sensa padrons Occitan mia lenga, ma religion Occitània sensa frontièras, degun confin Occitan auça la tèsta e cria fòrt Occitània dins lo miu còr l’i sies tu Occitan es la lenga, una passion Occitània una paraula Amor TRAD ITA Parole , parole , parole ne ho tante da cantare i sentieri della lingua devo calpestare dove stà andando la mia lingua, dove và il mio “parlare” il futuro della mia Terra è proprio qui. Occitano è la mia lingua, è tutto qui Occitania è la mia terra il mio Paese Per conservarlo bene dobbiamo parlarlo per parlarlo bene dobbiamo insegnarlo la semenza del domani è semplice da trovare nella tua lingua la puoi trovare, devi parlarla Occitano una lingua che vive quì Occitano se vuoi vivere devi parlare Occitania e quello che non si vede Occitania nella voce di un bambino Come acqua sulla pietra, il tempo ci può aiutare a crescere con la lingua il nostro pensiero pensare che siamo liberi , nessuna Regione, nessuna frontiera Insieme, la nostra forza , il nostro parlare Occitano , una lingua una nazione Occitania una terra senza padroni Occitano mia lingua, mia religione Occitania senza frontiere, nessun confine Occitano alza la testa e grida forte Occitania nel mio cuore ci sei tu Occitano è la lingua, una passione Occitania una parola Amore
2.
Constellacion Vèrs lo nòrd partem e tot laissem trobarem ilai nòstre futur Vèrs lo nòrd anem lo bonaür cerquem nòstra vita es tot lòn que avem Sabla chauda, vènt passant lo desèrt lo pantais dins las estelas la nuèch. Aiga, onda , sal passem lo grand mar lo sumi pòde pas s'arrestar. En tempèsta, esluçis èrsa , lo mar gròs lo bòn Diu nos a fach salvar. Crotz, devisas, gais siam sarrats aquí ent la gàbia esperem lo deman Tèrra nòva es tèrra de pantais l'avenir per nosautres es aquí Coma li astres nos ent la nuèch dau tèmp trobarem aquí constellacion Trad Ita. Costellazione Verso il nord partiamo e tutto lasciamo troveremo là il nostro futuro A nord andiamo la fortuna cerchiamo la nostra vita è tutto quello che abbiamo Sabbia calda, vento attraversando il deserto il sogno nelle stelle la notte. Acqua , onda , sale passiamo il grande mare il sogno non deve finire In tempesta, lampi onda, mare grosso il buon Dio ci ha fatto salvare Croci, divise, cinta siamo chiusi qui nella gabbia aspettiamo il domani Terra nuova terra dei sogni l'avvenire è qui per noi Come gli astri nella notte dei tempi troveremo qui costellazione
3.
03:40
Libres Libertat, Justícia, Dinhitat ent’es? ent la tèrra democràtica d’Euròpa vièlh monde aquí cuna de lo drech, rènhe sobeiran de cultura sal papièr sinhat nòstra libertat es paraula vuida encui siem allineats tuchi ben “quadrats” creiem d’èsser libres encara… Libres, volem èsser libres Libres qué vòl dire aquò? Libres abo deguna estaca Libres ent la nòstra tèrra Tuchi li jorns pistaa, nos la fan agachar ent l’esquèrm pintat de noticias Estraçaa, violentaa… nòstra libertat es quimèra luenha… es viva Catalonha, Grècia passant per l’Irlanda dau nòrd au sud se plora as da bèl votar, es lo capital… es lo vil denar… comanda Libres, volem èsser libres Libres qué vòl dire aquò? Libres abo deguna estaca Libres ent la nòstra tèrra Libres volem viure libres Libres de pensar d’escriure Libres de combatre encara Libres ent la nòstra tèrra E la borsa cala e la borsa monta e lo monde trima, paures. Tomben las frontièras, las doganas, li sòus… Li estats padrons nos iston. Nombres sal papièr esclaus dai financièrs auça pas la tèsta paure. Es “l’Union” dai sòus pas “l’Union” de la gènt lo poder sobre de tuchi De l’autre cant de las frontièras l’i siem nos De l’autre nòstri fraires , siem nos dal costat de la justícia siem nos son pas li vòstri sòus que fan lo nòstre deman. La poténcia dal Monde siem nos. La sagessa dal pòple siem nos. De las raïtz ent la tèrra trobarem la fòrça auçarem la tèsta serem Libres Libres, volem èsser libres Libres qué vòl dire aquò? Libres abo deguna estaca Libres ent la nòstra tèrra Libres tornarem èsser libres Libres ent aquest monde Libres de combatre encui Libres d’èsser libres encara —————————————————— Liberi Libertà, Giustizia, Dignità dov’è? nella terra democratica d’Europa “vecchio mondo” questo culla del diritto , regno sovrano di cultura scritta sulla carta la nostra libertà è parola vuota oggi. Siamo allineati tutti ben “quadrati” crediamo di essere liberi ancora Liberi, vogliamo essere liberi Liberi, che cosa vuol dire? Liberi, senza nessun vincolo Liberi, nella nostra terra Tutti i giorni calpestata ci costringono a guardarla nello schermo pitturato di notizie. Dilaniata, violentata…la nostra libertà è chimera lontana …ma viva Catalunya, Grecia passando pe l’Irlanda dal nord al sud si piange. Puoi votare fin che vuoi, il capitale… il vile denaro …comanda. Liberi, vogliamo essere liberi Liberi, che cosa vuol dire? Liberi, senza nessun vincolo Liberi, nella nostra terra Liberi, vogliamo vivere liberi Liberi, di pensare di scrivere Liberi, di combattere ancora Liberi, nella nostra terra E la Borsa scende e la Borsa sale e la gente sgobba, Poveri. Cadono le frontiere, le dogane, le valute gli Stati padroni rimangono. Numeri sulla carta schiavi della finanza non alzare la testa…Povero. e “l’Unione” dei soldi non “l’Unione”dei popoli il potere sopra di tutti Dall’altra parte delle frontiere ci siamo noi Dall’altra parte, i nostri fratelli siamo noi dalla parte della giustizia ci siamo noi non sono i vostri soldi che fanno il nostro futuro La potenza del mondo siamo noi La saggezza del popolo siamo noi Dalle radici nella terra troveremo la forza, alzeremo la testa, saremo Liberi Liberi, vogliamo essere liberi Liberi, che cosa vuol dire? Liberi, senza nessun vincolo Liberi, nella nostra terra Liberi, ritorneremo liberi Liberi, in questo mondo Liberi, di combattere oggi Liberi di essere nuovamente Liberi
4.
03:41
ZEN L’i a de causas da bèls compréner la vita es plena , lo sabes já... coma l'alh ent l'alhòli, coma l'aiga ent lo Pastís... aquí chantem e vos demandem se aquesta estòria lo es pròpi pas d'aquela planta nos vos parlem e vos diem... LegaliZen? Zen Zen Zen istètz calmes, istètz Zen Zen Zen Zen que aquí, èira, vos expliquem Dètz mila ans que la coltivem, que l'i a un motiu ! E lo sabem... Nos acompanha , nos primitiu la planta màgica dau nòm "Divin" de la medecina , au narguilè de la chamisa, au bambolet es bòna tota de la poncha al pè qu’es proïbia? LegaliZen? Zen Zen Zen istètz calmes, istètz Zen Zen Zen Zen e lo sabem de lòn que parlem Zen Zen Zen de estremar-la se siem estofiats Zen Zen Zen que aquest bòt... Nòstra doctrina es pròpi "zen" volem plantar-la e siem pas luènh la mènt, lo còr...nòstre poder paciéncia, calma que l’i arribem prats, lòbias, òrts , lo tiu jardin endapertot saurè lo vèrt es la "vision" que nos volem es da bèl far , LegaliZen ! Zen Zen Zen istètz calmes, istètz Zen Zen Zen Zen e lo sabem de lòn que parlem Zen Zen Zen lo tèmp es maür, las flors tanben Zen Zen Zen lo mai es fach...volem la lei! TRAD ITA Ci sono cose facili da capire , la vita ne è piena e già lo sai, Come l’aglio nell’ “aiolì”, come l’acqua nel “pastis”… qui cantando vi chiediamo se questa storia non lo sia altrettanto di quella pianta noi vi parliamo e vi diciamo... Legalizziamo? Zen Zen Zen state calmi, state Zen Zen Zen Zen che qui , adesso, vi spieghiamo tutto... Diecimila anni che la coltiviamo, ci sarà un motivo! E già lo sappiamo... ci accompagna noi "primitivi" la pianta magica dal nome "divino" dalla medicina, al narghilè dalla camicia, al "bambulet" è buona tutta dalla punta ai piedi ed è proibita? Legalizziamo? La nosta dottrina è veramente Zen vogliano piantarla e non siamo lontani la mente, il cuore... il nostro potere pazienza e calma, ci riusciremo prati, balconi, orti o nel tuo giardino dappertutto sarà il verde è la "visione" che noi vogliamo è semplice ottenerla Legalizziamo Zen Zen Zen state calmi, state Zen Zen Zen Zen e sappiamo di cosa stiamo parlando Zen Zen Zen lil tempo è maturo, i fiori anche Zen Zen Zen il più è fatto...vogliamo la legge!
5.
FUNGO DANCE (La Dança dau Bolet) Es bòn lo minjar al miu país... m’agradon las limaças abo lo pastís... m’agradon... las raviòlas, lo civet… chimóç en banha… lo bonet... Pèrsis...sebas plenas... anchoas al vèrt… Tot bòn , segur, tot bòn ...m’agrada a mi... m’aquò que me dona de mai aquò que monta… es lo bolet! Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo, Fungo Dance La Dança , La Dança dau Bolet Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo, Fungo Dance M’agrada, M’agrada lo Bolet M’agrada minja-lhe tot lo jorn…. Matin...de sera...l’après-mesjorn… Panats...al vèrt...fricassats.. Maiòlas… un pauc de sucre… e de Bolets! Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo, Fungo Dance La Dança , La Dança dau Bolet Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo, Fungo Dance M’agrada, M’agrada lo Bolet Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo, Fungo Dance Done-me, Done-me de Bolets Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo, Fungo Dance Me monta ! Me Monta! Lo Bolet! TRAD ITA E’ ottima la cucina nelle mie terre… mi piacciono le lumache al pastis… mi piacciono….le raviole , il civet… pesche...cipolle ripiene, acciughe al verde… Tutto ottimo, sicuramente, tutto ottimo… mi aggrada tutto… ma cosa mi soddisfa di più… quello che mi sale… è il Fungo! Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo, Fungo Dance Il Ballo, Il ballo del Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo, Fungo Dance Mi piace , mi piace il Fungo Mi piace mangiarli tutto il giorno… Il Mattino...la sera...il pomeriggio… Impanati...Trifolati...Fritti… Fragole… un poco di zucchero… e dei Funghi! Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo, Fungo Dance Il Ballo, Il ballo del Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo, Fungo Dance Mi piace , mi piace il Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo, Fungo Dance Datemi, datemi dei Funghi Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo Fungo, Fungo Dance Mi sale! Mi sale! Il Fungo!
6.
03:40
Duèrm Duèrm ma pichòta fin a deman la nuèch es bèla, lo sumi ven plan duèrbes li tius uèlhs ent un autre monde doç e colors, degun chagrin L’i a una cevito abo quatre uèlhs, un chat que parla abo quatre peis una ramaça que bala se’n lac Cinc solelhs la luna ent lo cièl L'i a un ors que sòna lo rock & roll Abo una marmòta que chanta de folk de puèrc-singlarts que li fan lo còr e de chaçaires que balon coma de fòls Vièlhs e mainats juan ensem Jòmai de sera, sempre matin Jòmai de plors, sempre sorís Masque d’aquò bòn tròbes aquí Duèrm ma pichòta fin a deman la nuèch es bèla , lo sumi ven plan duèrbes li tius uèlhs ent un autre monde Doç e colors, degun chagrin trad. ...ma secondo me hai capito tutto ;) Dormi mia piccola fino a domani la notte è bella , il sonno arriva piano apri i tuoi occhi in un altro mondo dolci e colori, nessuna preoccupazione (meglio forse) C’è una civetta con quatto occhi un gatto che parla con quatto pesci una scopa che danza su di un lago cinque Sole e una luna nel cielo c’è un orso che suona rock & roll con una marmotta che canta del folk dei cinghiali che fanno il coro e dei cacciatori che ballano come matti vecchi e bambini giocano insieme mai la sera , sempre giorno mai pianti, sempre sorrisi solo Bene troverai qui Dormi mia piccola fino a domani la notte è bella , il sonno arriva piano apri i tuoi occhi in un altro mondo dolci e colori, nessuna preoccupazione
7.
04:05
Darbon Un plan pus bas dai vòstri pès passa la vita aiçí dessot lo jorn, la nuèch, m’embato sas la tèrra chava anant enrier Lo monde vira aquí dessot e siu content se tròbo un vèrm , posso la tèrra darrier de mi e vau anant , la vita es bèla Siu un darbon , siu bòrni e nièr siu un darbon , un vira-monde … Aiçí dessot pas de bordèl, una musica ent la tèsta, la “bòna vibra” me fai bojar, de tant en tant suèrto la tèsta, qué se passa aquí dessus ? E çò que veu m’agrada pas … compreno pas çò que se passa… ent aquel monde dai “doas chambas” De gènt s’escapa dau siu país de gènt que plora ent la miseria de monde gras charjat d’argènt… de pichòt mòrt ent la via de bombas calon dau cièl… es tote gris , veu pas las estelas sento la vita que se’n vai e tot d’entorn l’indiferéncia… Siu un darbon , siu bòrni e nièr siu un darbon , un vira-monde … siu un darbon escotètz-me siu un darbon escota çò que dio… L'i a quarquaren que marcha pas ent aquel monde aquí dessobre Es complicat viure ensem? Vos chal rusear? Vos chal tuar-vos? Arribètz pas a volètz-vos ben? Es la Natura que vos lo chama! Es tan da bèl voler-se ben un pauc d’amor lòn que vos chama! Trad Darbon Un piano più in basso dei vostri piedi passo la vita qui sotto del giorno e della notte io me ne fotto la terra scavo avanti e indietro Il mondo dira qui sotto e son contento se trovo un verme , spingo la terra dietro a me e vado avanti, la vita è bella Sono una talpa , sono ceco e nero sono una talpa , un giramondo... Qui sotto nessun frastuono, una musica nella testa, la "vibra buona" mi fà muovere, ogni tanto faccio capolino con la testa cosa succede lì sopra? Cosa vedo non mi piace un gran chè... non capisco cosa sta succedendo... nel mondo dei "due gambe" Della gente scappa dal proprio paese della gente piange in miseria dei tipi grassi carichi di ricchezze... bambini morti in mezzo a una strada le bombe cadono dal cielo... è tutto grigio, non vedo le stelle sento la vita che svanisce e tutt'intorno l'indifferenza Sono una talpa , sono ceco e nero sono una talpa , un giramondo... sono una talpa ascoltami sono una talpa ascolta cosa ho da dirti C'è qualcosa che non funziona in quel mondo qui sopra E complicaton vivere insieme? Dovete litigare? Dovete uccidervi? Non riuscite a volervi bene ? La natura vi chiede questo! É tanto semplice volersi bene, un poco di amore è tutto quello che vi chiede.
8.
05:06
CROBÀS Denant de ma maison, sal montruc tota soleta, cereisièra de grafions la prima blanca de flors l’estiu rossa e madura charjaa d’amor Es lo silenci an aquò miu ...fin a l'estiu... Un estròp de crobàs s'aquela cereisièra crion e parlon fòrt me laisson pas durmir non, me laisson pas durmir ! Lo fusilh fau parlar e lor se’n van escapar ...après un pauc van retornar... Nièr de plumas es la planta, nièr de flin siu mi coma far per ne’n surtir? Coma far per li chapar? Es Filip dal Carrù que un idea me vai donar , en grinhand , sai pas que diaul... "La pega se l'àrbol te chal butar, parièr li ausèls tu pòs fusilhar!" Coma aquò lo matin ai fach e tot l'àrbol ai empegat li crobàs son arribats e sai rams se son pausats e coma un soldat, ai tronat, lo fusilh ai fach tronar! E d'un crep se son levats… la cereisièra emb lor a tacat a volar, volar, volar... ent lo cièl es partia per jòmai retornar. Trad Ita. Corvi In faccia a casa mia su di un cucuzzolo, tutta da sola. Un cigliegio di "duroni" la primavera è bianco di fiori l'estate , rosso e maturo, carico d'amore. C'è silenzio dalle mie parti, fino all'estate... uno stormo di corvi su quel cigliegio urla e chiacchiera forte m'impediscono non mi lasciano riposare m'impediscono di dormire Così il mio fucile faccio parlare e loro scappano... ma dopo poco ritornano... Nera di penne è la pianta nero di rabbia sono io! Come risolvere il problema? Come riuscire a colpirli? Filip di Carrù mi dà un'idea ridendo...non capisco il perchè... "La colla devi mettere sull'albero, cosi riuscirai a prenderli!" Così il mattino seguente ho fatto l'albero di colla ho cosparso i corvi sono arrivati e sui rami si sono posati allora come un soldato ho sparato, il fucile ho fatto tuonate! Tutti insieme hanno spiccato il volo.. ed il cilieglio con loro ha iniziato a volare, volare , volare nel cielo è partito per mai più ritornare
9.
Joanina dal Batalh Joanina dal batalh l’i agrada l'argalícia Joanina dal batalh l’i agrada la chuchar Joanina lo licha , Joanina lo pastissa lo tròç finís jòmai...qu'es doç aquel batalh! Joanina lo licha , Joanina lo pastissa lo tròç finís jòmai, qu'es doç aquel batalh! Trad Ita. Giovanna del Batacchio adora la liquirizia Giovanna del Batacchio adora succhiarla Giovanna lo lecca , Giovanna lo pasticcia il pezzo non finisce mai...com'è dolce quel batacchio!
10.
04:04
N’ai pro Èira suèrto d’aquí e me’n vau ent lo nièr de pensar per esto sera n’ai pro. De chats crion l’amor sal cubèrt tot nevat Una cevítola chanta sus un àrbol glaçat Bufs de vènt dal Rio Frèit que me jala la mènt es dedins lo miu mal, es pus fons dal Lac Nièr vòi trobar coma far, la meisina qual es? Se me fermo siu mòrt... se me bòjo siu mòrt… Qué vòs encara tu da mi? Qué vòs encara dal miu còr? Enté vòs que ane la mia vita? Aquí solet, de mi n’ai pro! Lo matin que me gacho abo un rai de solelh l'aranha desvelhaa es trempaa de rosaa li crobàs s’auçon luènh, lo miu pas sòna fòrt fito, fito, volar polariu escapar! Qué vòs encara tu da mi? Qué vòs encara dal miu còr? Es tot jalat aquí dedins es tot de glaç e mi n’ai pro! Tot lo ben t’ai donat, joventut , lo bonaür tu l’as pilhat coma òr… l’as estremat, l’as raubat Èira agacha dessot, me’n foto de tot vòi volar esto matin sarra li uelhs siu partit… Qué vòs encara tu da mi? Qué vòs encara dal miu còr? Es tot vuit aquí dedins es tot fenit... e mi n’ai pro! Trad Ora esco da qui e mi getto nel buio di pensare questa sera ne ho abbastanza. Dei gatti gridano l'amore sopra un tetto innevato una civetta canta sopra da un'albero ghiacciato Sbuffi di vento da Rio Freddo che mi gelano la mante è dentro di me il mio male, è più profondo del Lago Nero vorrei capire come fare, la cura qual'è? Se stò fermo son morto... se mi muovo son morto... Cosa vuoi ancora tu da me? Cosa vuoi ancora dal mio cuore? Dove vuoi portare la mia esistenza? Qui da solo, ne ho abbastanza anche di me! Il mattino che mi guarda con un raggio di sole il ragno risveglioato è fradicio di rugiada i corvi si alzano lontano, il mio passo suona forte velove, veloce , volare...potrei fuggire! Cosa vuoi ancora tu da me? Cosa vuoi ancora dal mio cuore? È tutto congelato qui dentro è tutto di ghiaccio e non ne posso più! Tutto il bene che ti ho dato, la giovinezza, la gioia tu l'ai preso come oro... l'ai nascosto, rubato. Ora guardo di sotto, me ne fotto di tutto voglio volare questa mattina chiudo gli occhi son partito... Cosa vuoi ancora tu da me? Cosa vuoi ancora dal mio cuore? È tutto vuoto qui dentro è tutto finito ...e non ne posso più!
11.
04:01
Libres Libertat, Justícia, Dinhitat ent’es? ent la tèrra democràtica d’Euròpa vièlh monde aquí cuna de lo drech, rènhe sobeiran de cultura sal papièr sinhat nòstra libertat es paraula vuida encui siem allineats tuchi ben “quadrats” creiem d’èsser libres encara… Libres, volem èsser libres Libres qué vòl dire aquò? Libres abo deguna estaca Libres ent la nòstra tèrra Tuchi li jorns pistaa, nos la fan agachar ent l’esquèrm pintat de noticias Estraçaa, violentaa… nòstra libertat es quimèra luenha… es viva Catalonha, Grècia passant per l’Irlanda dau nòrd au sud se plora as da bèl votar, es lo capital… es lo vil denar… comanda Libres, volem èsser libres Libres qué vòl dire aquò? Libres abo deguna estaca Libres ent la nòstra tèrra Libres volem viure libres Libres de pensar d’escriure Libres de combatre encara Libres ent la nòstra tèrra E la borsa cala e la borsa monta e lo monde trima, paures. Tomben las frontièras, las doganas, li sòus… Li estats padrons nos iston. Nombres sal papièr esclaus dai financièrs auça pas la tèsta paure. Es “l’Union” dai sòus pas “l’Union” de la gènt lo poder sobre de tuchi De l’autre cant de las frontièras l’i siem nos De l’autre nòstri fraires , siem nos dal costat de la justícia siem nos son pas li vòstri sòus que fan lo nòstre deman. La poténcia dal Monde siem nos. La sagessa dal pòple siem nos. De las raïtz ent la tèrra trobarem la fòrça auçarem la tèsta serem Libres Libres, volem èsser libres Libres qué vòl dire aquò? Libres abo deguna estaca Libres ent la nòstra tèrra Libres tornarem èsser libres Libres ent aquest monde Libres de combatre encui Libres d’èsser libres encara —————————————————— Liberi Libertà, Giustizia, Dignità dov’è? nella terra democratica d’Europa “vecchio mondo” questo culla del diritto , regno sovrano di cultura scritta sulla carta la nostra libertà è parola vuota oggi. Siamo allineati tutti ben “quadrati” crediamo di essere liberi ancora Liberi, vogliamo essere liberi Liberi, che cosa vuol dire? Liberi, senza nessun vincolo Liberi, nella nostra terra Tutti i giorni calpestata ci costringono a guardarla nello schermo pitturato di notizie. Dilaniata, violentata…la nostra libertà è chimera lontana …ma viva Catalunya, Grecia passando pe l’Irlanda dal nord al sud si piange. Puoi votare fin che vuoi, il capitale… il vile denaro …comanda. Liberi, vogliamo essere liberi Liberi, che cosa vuol dire? Liberi, senza nessun vincolo Liberi, nella nostra terra Liberi, vogliamo vivere liberi Liberi, di pensare di scrivere Liberi, di combattere ancora Liberi, nella nostra terra E la Borsa scende e la Borsa sale e la gente sgobba, Poveri. Cadono le frontiere, le dogane, le valute gli Stati padroni rimangono. Numeri sulla carta schiavi della finanza non alzare la testa…Povero. e “l’Unione” dei soldi non “l’Unione”dei popoli il potere sopra di tutti Dall’altra parte delle frontiere ci siamo noi Dall’altra parte, i nostri fratelli siamo noi dalla parte della giustizia ci siamo noi non sono i vostri soldi che fanno il nostro futuro La potenza del mondo siamo noi La saggezza del popolo siamo noi Dalle radici nella terra troveremo la forza, alzeremo la testa, saremo Liberi Liberi, vogliamo essere liberi Liberi, che cosa vuol dire? Liberi, senza nessun vincolo Liberi, nella nostra terra Liberi, ritorneremo liberi Liberi, in questo mondo Liberi, di combattere oggi Liberi di essere nuovamente Liberi
12.
Anarquia en Occitània Iu siu anarquista Iu siu occitanista m’embato ben fòrt de çò que pensatz Lo crio ben fòrt anarc-occitan Iu siu anarquista e occitanista Anarquia en Occitània m’agradaria la veire un jorn Aqueli que vòlon tot conservar Aqueli que vòlon tot preservar Iu çò que dio un pauc d’anarquia en Occitània Iu n’ai pro d’aquestas balas Iu n’ai pro dai confins volem esser libres d’aquestas nacions volem tot esclapar e siem occitans siem anarquia en Occitània Non siem pas de (l') IEO Non siem pas de Mistral Non siem pas d’integralistas non siem pas de l’Espaci nos siem anarquia en OccitaOccitaniniaà an aquò miu nos, nos volem anarquia en Occitània an aquò nòstre non, nos volem esser libres ent aquel monde nos, nos volem anarquia e Occitània

about

Il quarto album in studio dei Lou Seriol, una delle band più longeve e conosciute nel panorama della nuova musica tradizionale occitana.
Occitan sta per occitano, lingua attorno alla quale si sviluppa un vero e proprio movimento culturale considerata cuore, sangue e linfa vitale che scorre ancora in poche zone della nostra terra ma che bisogna tenere viva. Da questo concetto nasce l’idea di copertina che vede la parola “OC” (di Occitan) uscire da una macchia di sangue.
Innovare per non dimenticare, innovare per sentirsi vivi e far vivere una musica e una cultura, pulsante nei cuori dei componenti della band, codificandola in mille sfaccettature pur rimanendo fedeli allo spirito popolare da cui proviene.
Fiera rivendicazione di una terra attraverso la lingua e le tradizioni che continuano a vivere nelle musiche e nei testi delle canzoni.
Occitan esce a distanza di sei anni dal precedente lavoro, Maquina Enfernala (2012), ed è la perfetta sintesi delle molteplici esperienze artistiche, collaborazioni, incontri e tournee in giro per l’Europa che questi straordinari “artigiani della musica”, i Lou Seriol, hanno collezionato in questi 25 anni di carriera.
L’album, prodotto da Riccardo Parravicini (Nicolò Fabi, Marlene Kuntz, Daniele Silvestri, Max Gazzè, Mannarino, Teatro degli Orrori, Levante ecc.), si compone di 11 tracce inedite ed una cover (la prima della band), che celebra i quarant’anni (passati da poco) dell’esplosione del fenomeno punk e vede i Lou Seriol reinterpretare in chiave occitana Anarchy in the Uk dei Sex Pistols (diventata Anarchio en Occitania).
“Occitania”, brano manifesto dell’album, racconta della lingua, del popolo e della terra occitana attraverso un classico reggae dalle sfumature tradizionali, come “Zen” che ripercorre le tracce dei primordi in levare del gruppo d’OC. “Costellacion” racconta delle traversate a bordo di barconi, del Mediterraneo e dei sogni infranti su ritmi nordici, che richiamano circoli circassiani e chapelloise, e diventano afro-celtici grazie agli arrangiamenti ritmici percussivi di Luca Rigoni. Funk e disco music fanno da padrone in brani come “Ladres” e “Fungo Dance” dove i fiati di Leo Virgili (Radio Zastava) sanciscono i legami con l’est della penisola e con i “cugini” friulani (furlan). Sonorità progressive le ritroviamo in “Crobas”, brano che vede la partecipazione dello storico batterista Furio Chirico e del cantautore/poeta Filippo Bessone ma anche una vena di blues/country nella ninna nanna “Duerm” magistralmente arricchita dall’armonica di Tom Newton. Rock graffiante e suoni più decisi nel brano “Libre” che si avvale della voce di Alessio Perardi (Airborn). Suoni in levare e calypso dal sapore provenzale in “Darbon” che si pregia del cameo di Tatou e Blu dei Moussu T e lei Jovent e Massilia Sound System.
Il filo conduttore di tutto è la lingua occitana che non racconta solo aneddoti ma trasmette e da voce a pensieri forti e tematiche attuali (es: immigrazione, questioni sociali e politiche) che le consentono di essere contemporanea e di continuare a vivere e a evolversi.

credits

released October 19, 2018

Lou seriol:
Stefano Degioanni: Vòtz
Edoardo Degioanni: Semiton
Adriano Rovere: Guitara
Benjamin Newton : Bassa
Roberto Gaia : Bateria

Autoproduccion Lou Seriol

Produccion Artistica : Lou Seriol e Riccardo Parravicini

Enregistrat e mesclat da Riccardo Parravicini en lo MAM Recording Studio, Fraz. Tavelle (CN)

Mastering : Simone Squillario en lo HybridStudio Pino Torinese (To)

Control texte en occitan : Andrea Celauro

Fotografias : Oscar Bernelli

Design: Paolo Beltrando

Leo Virgili: arrangiament ottons ,  trombone , tromba  en  03,04,05
Gabriele Marcon: tromba en  03,04,05
Walter Grison: Sax tenor, Sax Baritona en  03,04,05
Tom Newton: armonica en 06
Furio Chirico: Bateria en la  08
Luca Rigoni : Percossions en 02, 07, 11
Filippo “Pippo” Bessone : Vòtz parlant en la 08
François “Tatou” Ridel : Vòtz en 07
Stephane “Blu” Attard : Banjo en 07
Alessio Perardi: Vòtz e còr en 11
Davide Scalzo: ananas en 13



Merces: Girò, Titti, Jessica, BIG Talu Music Service, Rosina Bonino, Microfase, Attilio Ferrua, Franco Palumbi, Gold Music srl, Spaghetti Baffineri, Albitroll, Totas las Chourmo, Jacques, Zavo Manivette Salabrum, Egea Music
Merces a toti aquelis que nos volen ben e tamben aquelis que nos en volen pas . LOVE


Edoardo Degioanni sona embè semitun Castagnari
Roberto Gaia sona embè Batterie Ed Drum, Piatti Istanbul Agop

license

all rights reserved

tags

about

Lou Seriol Aisone, Italy

The Lou Seriol were born in 1992, on the wave of the rediscovery and revaluation of the Occitan music.

contact / help

Contact Lou Seriol

Streaming and
Download help

Redeem code

Report this album or account

Lou Seriol recommends:

If you like Lou Seriol, you may also like: