REVIORI

by Lou Seriol

/
  • Streaming + Download

    Includes unlimited streaming via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.
    Purchasable with gift card

      €5 EUR  or more

     

  • Full Digital Discography

    Get all 4 Lou Seriol releases available on Bandcamp and save 30%.

    Includes unlimited streaming via the free Bandcamp app, plus high-quality downloads of REVIORI, OCCITAN, AMBE VOS - live 2009, and MAQUINA ENFERNALA. , and , .

    Purchasable with gift card

      €14 EUR or more (30% OFF)

     

1.
04:29
PAION VEN Paion ven, paion reven Cala la montanha t'esperi ven ven Paion ven, paion reven Cala la montanha t'esperi reven Lo temp del Paion, que nos mena a niça pian pian, chamina en subiant, e lo vent me/nos trucha las mans. Mercenari del son occitan, sem lou seriol , calem de la Lombarda fins a la mar fins icì a lo pòrt trobarem lo carnaval aribarem 'bo lo gobi e lo pantais. Luis, Momò e Vincenzò e Lo Postin aribarem i nòstres amics que parlon de la mar Nux Vomica nos parlon de la mar nos parlon de lon que avem pas nos ! Nos parlon di peises ,tavans ,d'la merda de can, batèu que vai se la mar pian pian... quartier San Rock e portarem bolets pichòts e fen-tabac dal nòstre chabòt e chantarem tota la nuech tuchi ensem: Paion que... ITA Paion viene, Paion ritorna scendi la montagna ti aspetto vieni Paion viene, Paion ritorna scendi la montagna ti aspetto ritorna E il tempo del Paion, che ci porta a Nizza fischiando, Camminiamo fischiettando, e il vento mi/ci tocca le mani. Mercenari del suono occitano, siamo i lou seriol, scendiamo dal colle della Lombarda fino al mare, fino al porto e troveremo il carnevale arriveranno anche con il gobi e il pantai : Luis, Momò e Vincendo e Lo Postin arriveranno i nostri amici que ci parlano del mare Nux Vomica ci parlano dei mare, ci parlano di cosa non abbiamo noi! Ci parlano dei pesci, mosconi, merda de can, battelli que vanno sul mare piano piano... e quartiere San Rock. E noi porteremo funghi piccoli e fieno-tabacco dalla nostra baita e canteremo tutta la notte , tutti insieme: Paion che... E adesso ecco la dedica da Nizza alle valli occitane, quando vengo a trovare i Seriol con Leonora, amici e bambini, Valle Maira, Valle Pesio, Valle Grana, Valle Gesso, Valle Pellice e Chisone, Val Susa, Vermenagna, Valle Stura fino ad Aisone
2.
04:03
Vira vira enca' sus mon ciel la luna vira vira enca' passa fito e vai se trobem ensem a chantar, ò luna, s'endurmem ensem e balem, enca' Beica beica un pauc mas que monde uòre beica beica un pauc i conoisses tu? Balen rigodon e balet, ò luna, balen pròpi ben, saben mac aquò Nuech de dança a balar ocitan i a de monde que n'en sa' pas tant bojets las chambas, virez lo cul, de belas cichas sença lo cor ! Pensa pensa en pauc lòn quei a darier estòria, lenga, vita, nosta nacion lo sabesson lor lòn que i a, ò luna, magaro lo saben ja e i n'en fote pas! Parleme de nos , lòn que sentes luna? Lo deman es quiar o i'es propi pas? Isto icì a pensar 'bo una bira, ò luna, lo matin es bel e pien de chalor. Nuech de dança a balar ocitan sudor e chambas aquì dins un prat matin de prima passat a pensar pantais, paratge e libertat Gira gira ancora sul mio cielo la luna gira gira ancora passa veloce e và ci troviamo insieme a cantare, oh luna, ci addormentiamo insieme ballando, ancora Guarda guarda un'pò ma che gente sudicia guarda guarda un'po' gli conosci? Ballano il rigodon e il balet, oh luna, ballano proprio bene, sanno solo questo Notte di danza a ballare occitano ci sono persone che non sanno molto muovete le gambe, girate il culo, delle belle bambole senza un cuore! Pensa pensa un'po' cosa vi è dietro storia, lingua, vita, la nostra nazione lo sapessero loro cosa c'è , oh luna, magari lo sanno ma non gli fotte! Parlami di noi, cosa senti luna? Il domani è chiaro o non ci sarà proprio? Resto qui a pensare con una birra, oh luna, il mattino è bello e pieno di calore. Notte di danza a ballare occitano sudore e gambe in un prato mattino di primavera passato a pensare sogni, parità e libertà.
3.
05:06
La nuech que cala, un chan que plora, mi que te penso. Siu da solet. pas de montanha, pas de solelh , tu entè sies? Te trobarei.. Mi sença ela sio coma un paure chan sença pan Mi sença ela sio coma un arbol vert sença fuelhas Mi sença ela sio coma en bonomas sença botelha Mi sença ela me sento viure enca', ma sio ja mòrt.. E m'as laissat un jorn que fiocava. Ma tu que vòs da un paure choc? Eiro fai vent lo còr que piòu, laiseme pus... ma que tài fach? Vedere accento acuto su tài Mi sença ela sio coma en bonomas sença botelha Mi sença ela me sento viure enca', ma sio ja mòrt.. Chaminarei vers lo solehl te trobarei ent' aquel prat de flors. Sies tu que vei, lo còr te bramà, laiseme pus sies tu que amo! Mi sença ela sio coma en bonomas sença botelha Mi sença ela me sento viure enca', ma sio ja mòrt.. Mi sença ela sio coma en bonomas sença botelha Mi sença ela me sento viure enca', ma sio ja mòrt.. ITA La notte scende, un cane piange, io ti penso. Sono solo. Senza montagne, senza sole, tu dove sei? Ti troverò.. Io senza Ela sono un povero cane senza pane Io senza Ela sono come un'albero verde senza foglie Io senza Ela sono come un barbone senza bottiglia Io senza Ela mi sento vivere ancora... E mi hai lasciato un giorno di neve. Ma tu cosa pretendi da un' ubriacone? Adesso c'è il vento nel mio cuore piove, non lasciarmi più... Cosa ti ho fatto? Camminerò verso il sole e ti troverò in quel prato di fiori. Sei tu che voglio, il cuore ti urla, non lasciarmi più sei tu che amo!
4.
Au pònt de Mirabel Catarina lavava I son venguts a passar tres chavalier e una armada Lo prim i a demandat s’era pas maridada Lo second i a donat la sia bela baga Ma la baga dal det i es tomba al fons de l’aiga Lo terç al s’es campat i a fach una cabuçada… Au pònt de Mirabel Catarina plorava. ITA Al ponte di Mirabel Caterina lavava Sono passati tre cavalieri e un'armata Il primo le ha chiesto se per caso era sposata Il secondo le ha regalato il suo bell'anello Ma l'anello, dal dito è caduto dell'acqua Il terzo si è tuffato ha picchiato una testata Al ponte di Mirabel Caterina piangeva.
5.
Ò es aici lo mes de mai que los galants planten lo mai n'en plantarei un per ma mia passaré mai que sa teulina Quand de Marselha ieu vendrei denant sa pòrta passarei demandarei a sa vesina coma se pòrta Catarina Catarina se pòrta plan! es maridada i a longtemp a un borges de la campanha que li fai plan faire la dama E m'aviun dich pianta lo mai que lo sio amor pasa ja mai ! e lhi porcons d'oste de Nòto l'an pas laissat sença griòta. Oi Catarina mas que as fach? Manco la porta aviu sarat ! Mi lo sai pas s'es de la campanha... sai mac que tu sies pas una dama! Ò es passat lo mes de mai que los galants planten lo mai Mi l'ai plantat per Catarina... me sio trubat 'bo la visina! ITA Eccolo qui il mese di maggio quando gli innamorati piantano il ramo di maggiociondolo, ne pianterò uno per la mia bella cosi contituerà a pensarmi fino al mio ritorno. Quando da Marsiglia ritornai dinnanzi a casa sua mi presentai chiedendo alla sua vicina: "Come stà Caterina?" "Carerina stà molto bene! Si è sposata un bel pò di tempo fà con un borghese della campagna che gli fa fare la vita da gran dama!" E mi anevano detto " Dagli il maggiociondolo... e il suo amore per te non svanira mai!" ma quei porconi dell'osteria di Notu, non l'hanno lasciata senza "ciliegia". Hoi Caterina cosa mi hai fatto!! E non avevo ancora chiuso la porta! Io non so se realmente lui sia uno di campagna.. so solamente che tu non sei una gran dama! Ormai è passato il mese di maggio quando gli innamorati piantano il maggiociondolo Io l'avevo piantato per Caterina... e mi "ritrovo" con la vicina!
6.
04:04
ADIU PAURE, CARNAVAL IEU M'EN VAI E TU T'EN VENES AREVEIRE A L'AN QUE VEN ADIU PAURE, CARNAVAL IA PARAPARA PARA PAPA ESCOTA MI COMPAIRE GIACU IA PARAPARA PARA PAPA ESCOTA MI SON QUE TE DIU ADIU PAURE, CARNAVAL AMUSEVUS E DIVERTIVOS E SIGHEZ TUCI CONTENT ADIU PAURE, CARNAVAL Adieu paure carnavas Quora dintri dins la dansa Ieu demori e tu t'en vas Adieu paure carnavas Fagues pas lo nervos, fagues pas lo mariàs Adieu paure carnavas Sabès qu'ambe lo seriol anèm ti faire cramar Anèm faire un grand fuech Siam aqui per festejar anèm dansar tota la nuech Farèm bolegar leis fadas Es lo jorn de carnaval Fach un an que l'esperam Dins lo passa carierra I a de fum e de bocan D'amont e tambèn d'aval I a de joia, d'enavant Tot ço qu'avèm fach de mal S'en va 'me lo caramantran ITA Addio povero carnevale io vado via e tu arrivi ci rivedremo l'anno prossimo ia paraparà parà papà ascoltami compare Giacu ia paraparà parà papà ascolta cosa ti dico Addio povero carnevale spassatevela e divertitevi e siate tutti contenti. Addio povero carnevale quando entro nella danza io mi diverto e tu te na vai addio povero carnevale non innervosirti non fare il bastardo addio povero carnevale lo sai che con i lou seriol ti faremo bruciare faremo un grande fuoco siamo qui per fare festa balleremo tutta la notte faremo muovere tutti i pazzi E il giorno di carnevale è un anno che lo aspettiamo giù nelle strade c'e del fumo e del baccano. Dall'alto e anche dal basso c'è la gioia dappertutto Tutto quello che abbiamo fatto di male se né và con il caramantran
7.
04:29
8.
Servans del bòsc son aribats, si prats se son campats. Al lòng del lac vert lo diau i a laissats la nuech es tombàa las nebias machàas lor van arubar! Pichòts e ponchuts i dents van dovrar i pels rosses de fiòc , vos venen serchar son pas tan piasents vos volen minjar tacatz a scapar! Servans del bòsc son arribats, lo tron i porta anant , pichòts et meinàas lor volen robar las cunos de bes lor van vuidar anatz-vos estremar artelhs e pès vos van rosiar se l'òs se fermen pas l'estòmis duberts, i pòs pas fermar, sietz tendres e polits, istez ben coatats vos trobaren pas ò paures innocents, aureilhas dreissàas, la paur del sarvan vos fai tramolar d'escur sabetz ja vos viren d'acant Sabetz lòn que far? ITA Servan dal bosco sono arrivati, sui prati si sono lanciati. Intorno al lago verde il diavolo gli ha posati La notte è calata, le nuvole macchiate stanno arrivando! Piccoli e appuntiti denti usano, i capelli rossi fuoco, vi vengono a cercare non sono molto simpatici sono venduti per mangiarvi iniziate a scappare! Servan dal bosco sono arrivati, i fulmini e tuoni gli accompagnano, piccoli e bambini sono venuti a cercare le culle di betulla vogliono svuotare andate a nascondervi! unghie e piedi vi rosicchieranno neanche le ossa risparmieranno, le interiora divelte, non gli puoi fermare, siete teneri e carini, restate ben coperti non vi troveranno! O poveri innocenti, orecchie ben dritte, la paura dei Servan vi fa già tremare nel buio, lo sapete,vi girano attorno Sapete come comportarvi?
9.
04:22
M'en suerto de maison , l'abril me gacha enca' mi... me sento un pauc servatge. I'amborn fiurit de mai, l'aire me ponh un pauc mi ... m'enduermon un pauc la testa. Sio stofi de pensar, d'icì me chal scapar A! La porta es duberta! un pas a drecha en sai, en pas a gaucha en lai, No..m'en suerto de la finestra. Que testa marsa ai, la trubarei ja mai aqhesto testo quas perdù la trubarei giò mai e pica un pauc de sai e pica un pauc de lai la trobarei ja mai! De jorns del pento sas, n'ai ja pasat una man mi.. n'ai pron de minjar merda al diau la casa i sòu, frema trabai e bòsc mi m'escapo de la mia testa de prat de mel e flors , l'erba da bel fumar A! ... me ferma una semana.. de bira per chantar de filhas da calinhar Mi ..M'agrada anar de fora! Lo vent de prima sas , me munta dal dedin me... isauda las paraulas. La vuelha de chantar me brusa lenga e mans mi sai pus lòn que me dio... la testa marsa ai borrat d'esrì e chais A ...que vos que dio encara? Chamino via pian pian, la sera icì denant mi ... m'agrada istar de fòra. Que testa marsa ai, la trubarei ja mai aqhesto testo quas perdù la trubarei giò mai e pica un pauc de sai e pica un pauc de lai la trobarei ja mai! ITA Me ne esco di casa , l'aprile mi guarda ancora, mi sento un'po' selvatico. i maggiociondoli fioriti in maggio, l'aria mi punge un'po' mi.. addormentano un'po' la testa. Sono stufo di pensare, di qui devo scappare Ha! La porta è aperta ! un passo a destra in qua, un passo a sinistra in là , No... esco dalla finestra. Che testa marcia ho, non la troverò mai più questa testa che ho perso non la troverò mai più e picchia un po' qua e picchia un po' là non la troverò mai più! Giorni del cazzo, sai, ne ho passati un'bel po' ne ho abbastanza di mangiare merda. Al diavolo la casa, i soldi, donna, lavoro e legna io scappo dalla mia testa. Prati di miele e fiori, l'erba facile da fumare ha!! mi fermo una settimana... birra per cantare, ragazze da corteggiare mi piace andare fuori! Il vento di primavera, sai, mi sale da dentro mi scalda le parole. La voglia di cantare mi fa bruciare lingua e mani ...non so più cosa stò dicendo... una testa marcia ho, piena di schifo e ginepro Ha... cosa vuoi che ti dica ancora? Cammino via, piano piano, la sera qui davanti mi piace starmene fuori.
10.
03:10
Es quatre oras de matin ...me sio torna butat... La ceriera es derecha ma mi tiro d'un cant Es quatre oras de matin ...me sio torna enchocat Mi sai pa aquel vinet... òi que m'a "siluràt"!! Pan e ventreska, quatre botas un salam tu pòrtes tot e mi pòrto lo pan, Pan e ventreska, quatre botas un salam tu pòrtes tot e mi pòrto la fam Siu denan a maison lo telefòno sòna... sun i quatre amisons : "Vos pas anar-te cojar ?" Aquelhs quatre bastard, i portesse lo diau !! "Ia na festa ilamon al pais San Bernoi"!!! Pan e ventreska, me siu pròpi echocat Pas mac lo vin que m'a trabalhat Pan e ventreska, quatre palhas un salam Pan e ventreska ITA Me ne esco di casa , l'aprile mi guarda ancora, mi sento un'po' selvatico. i maggiociondoli fioriti in maggio, l'aria mi punge un'po' mi.. addormentano un'po' la testa. Sono stufo di pensare, di qui devo scappare Ha! La porta è aperta ! un passo a destra in qua, un passo a sinistra in là , No... esco dalla finestra. Che testa marcia ho, non la troverò mai più questa testa che ho perso non la troverò mai più e picchia un po' qua e picchia un po' là non la troverò mai più! Giorni del cazzo, sai, ne ho passati un'bel po' ne ho abbastanza di mangiare merda. Al diavolo la casa, i soldi, donna, lavoro e legna io scappo dalla mia testa. Prati di miele e fiori, l'erba facile da fumare ha!! mi fermo una settimana... birra per cantare, ragazze da corteggiare mi piace andare fuori! Il vento di primavera, sai, mi sale da dentro mi scalda le parole. La voglia di cantare mi fa bruciare lingua e mani ...non so più cosa stò dicendo... una testa marcia ho, piena di schifo e ginepro Ha... cosa vuoi che ti dica ancora? Cammino via, piano piano, la sera qui davanti mi piace starmene fuori.
11.
L'ase d'Alegre fai testament L'ase d'Alegre fai testament Laissa la vita per far convent e le vririn e le vron tron tron e le vran da lion e le vrin e levron Laissa las aurelhas als paures chòrnhs Laissa las aurelhas als paures chòrnhs Cora auvìan, auvìan da da lònh Laissa ueihes als paures bòrnhs Laissa ueihes als paures bòrnhs Cora vean, veian da da lònh Laissa las chambas als paures sòps Laissa las chambas als paures sòps Cora corian, corian al galòp Laissa las uòsses als paures chans Laissa las uòsses als paures chans Còra mordian fasian An! An! An! Laissa la coa als cosinier Laissa la coa als cosinier Para las moissas dals potagiers ITA L'asino d'Alegre fa testamento Lascia tutto per prendere i voti. e le vririn e le vron tron tron e le vran da lion e le vrin e levron Lascia le orecchie ai poveri sordi, quando sentivano sentivano da lontano. Lascia gli occhi ai poveri ciechi, quando vedevano vedevano da lontano. Lascia le gambe ai poveri zoppi, quando correvano correvano al galoppo. Lascia le ossa ai poveri cani quando mordevano facevano Han! Han! Han! Lascia la coda ai cuochi, per togliere le mosche dai fornelli.
12.
04:03

credits

released October 26, 2018

Autoproduccion Lou Seriol

Produccion Artistica Riccardo Parravicini

Enregistrat e mesclat da Riccardo Parravicini a lo Modulo Recording Studio de Coni (CN)
Mastering a lo Nautilus (MI) da Claudio Giussani e Riccardo Parravicini

Degioanni Stefano: Vòtz
Degioanni Edoardo: Semiton
Beltrando Giampiero: Flutas, piva
Rovere Adriano: Guitara
Ferrua Marco: Bassa
Gaia Roberto: Bateria


An sona bo nos:
Riccardo Parravicini: Keyboards, ous e povcodue
Luigi Pastorelli (Nux Vomica): Vòtz en Paion Ven
Jali Rene Mazzarino (MassillaSoundSystem):Vòtz en Adiu Paure
Sergio Berardo (Lou Dalfin): Viola en L' ase d' Alegre
Fabrizio Simondi (L'Escabot): Vòtz en L' ase d' Alegre
Dino Tron (Lou Dalfin): Armoni cromatic en Corentas

license

all rights reserved

tags

about

Lou Seriol Aisone, Italy

The Lou Seriol were born in 1992, on the wave of the rediscovery and revaluation of the Occitan music.

contact / help

Contact Lou Seriol

Streaming and
Download help

Redeem code

Report this album or account

Lou Seriol recommends:

If you like Lou Seriol, you may also like: